I fondi del caffè

Questa pratica divinatoria (caffeomanzia), relativamente moderna, consiste nell'interpretare i fondi di caffè.
In Occidente si pratica dal Seicento circa, e il suo successo si deve a un trattato scritto da Tomaso Tamponelli.
Secondo gli esperti, la cosa principale da considerare è il modo nel quale si dispongono le figure, se al di sopra o al di sotto del diametro del piattino (''Livello dei Giusti'').
Le immagini che compaiono al di sopra di questa linea hanno un'influenza relativa, e sono quindi poco condizionanti, mentre quelle che si trovano al di sotto sono quelle veramente importanti.
La lettura viene effettuata partendo da sinistra verso destra, e dall'alto verso il basso.
Le figure che si trovano lungo il Livello dei Giusti riguardano il presente, ciò che sta accadendo, i problemi contingenti.
Tutti i segni vengono interpretati da chi legge a seconda della propria sensibilità, e raramente si formano immagini chiare e perfettamente percepibili al primo colpo.
Vanno poi presi in considerazione i rapporti che intercorrono tra le varie figure, le sovrapposizioni, le sfumature.
Per ottenere un responso, il caffè va macinato abbastanza finemente e messo a bollirre in un pentolino con una grossa tazza di acqua.
Una volta a ebollizione si spegne e si versa nella singola tazzina, quindi lo si lascia depositare.
La persona ch chiede il responso beve il liquido, poi rovescia la tazzina sul piattino, girandola tre volte.
Le figure che si formano sul piattino indicano il futuro, quelle invece che sono rimaste nella tazzina indicano la situazione presente. 
Comments